Cristina D’Avena batte Taylor Swift in Italia

di Valentina Cervelli Commenta

Cristina D’Avena batte Taylor Swift in Italia: tutti i paesi europei, tranne il nostro, hanno visto trionfare la cantante americana nella classifica di iTunes degli album più venduti. E ci si sente un po’ fieri quando si vede una nostra artista tenere testa a delle rivali globali.

E Cristina D’Avena lo fa con un album magnifico che non solo celebra lei e la sua carriera, ma che fa letteralmente sognare generazioni intere con i nuovi arrangiamenti e fantastici duetti delle sigle di cartoni animati. E non si può non farsi trascinare e rinunciare ad acquistare quello che in poche ore è diventato un masterpiece. Sono 35 gli anni di carriera che vengono festeggiati e Duets, prodotto da Warner Music è un regalo non solo agli estimatori della cantante ma anche a tutti quei fan che amano i suoi “amici”.  Essi sono nell’ordine in cui appaiono nell’album: J-Ax, Giusy Ferreri, Francesca Michielin, Loredana Bertè, Baby K., Arisa, Annalisa, Emma, Michele Bravi, Elio, La Rua, Noemi, Benji & Fede, Chiara, Ermal Meta, Alessio Bernabei. Racconta Cristina al Corriere

[Duets nasce] da un’idea della Warner. Io ho dovuto selezionare sedici brani, cosa non facile avendo nella mia discografia più di 750 canzoni. Avevo sempre la sensazione di lasciare fuori un pezzo importante, e alla fine è stato inevitabile. Dopo Duets volume uno, ci vorrebbe un volume due, tre, quattro, e ancora, e ancora.

E molti cantanti hanno anche richiesto dei “cambi” di canzone per ottenere quella più vicino alla loro infanzia. Ma tra gli aneddoti, quello collegato a Loredana Bertè è il più bello:

Ero sicura che non avrebbe accettato, e invece, quando l’ho chiamata era in treno, le ho proposto il duetto, e lei ha iniziato a cantare a squarciagola: “Tre ragazze bellissime, tre sorelle furbissime…”, ha cantato Occhi di gatto per intero, anche l’acuto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>