“Il pettirosso” di Gino Paoli scatena le polemiche

di Stefania Russo 1

Il nuovo album di Gino Paoli "Storie" è in tutti i negozi di dischi da appena tre giorni, ma pesanti polemiche..

Il nuovo album di Gino PaoliStorie” è in tutti i negozi di dischi da appena tre giorni, ma pesanti polemiche sono già in corso.

Ad essere incriminata, in realtà, è soltanto una singola canzone dell’album, “Il Pettirosso” che racconta la storia di una bambina stuprata da un uomo anziano. Alla fine l’uomo muore e la ragazzina finisce per provare pietà nei suoi confronti.


La Commissione Bicamerale per l’Infazia, venuta a conoscenza del contenuto della canzone, ha invitato Gino Paoli per ascoltare le sue spiegazioni in merito. Il cantautore, tuttavia, non ha risposto all’invito facendo sapere, tramite i media, che la canzone è molto chiara e non necessita di alcuna delucidazione.

Alessandra Mussolini, presidente della Commissione, ha affermato che bisogna essere molto cauti nel descrivere tali situazioni e che il perdono non è affatto un sentimento possibile nei confronti di un pedofilo.

Il perdono, tuttavia, non è un termine menzionato espicitamente nel testo della canzone e lo stesso Gino Paoli, durante un’intervista, ha spiegato che la canzone non parla di perdono ma, semplicemente, di umanità e pietas cristiana.


Questo è il testo della canzone incriminata:

Aveva gli occhi come un pettirosso
era una donna di undici anni e mezzo
si alzò la gonna per saltare il fosso
aveva addosso un vestitino rosso.
Mentre passava in mezzo a quel giardino
di settant’anni incontrò un bambino
voleva ancora afferrare tutto
e non sapeva cos’é bello e cos’é brutto
e l’afferrò con cattiveria
lei si trovò le gambe in aria
lui che cercava cosa fare
c’era paura e c’era male.
E il male lo afferrò proprio nel cuore
come succede con il primo amore
e lei allora lo prese tra le braccia
con le manine gli accarezzò la faccia
così per sempre si addormentò per riposare
come un bambino stanco di giocare

Commenti (1)

  1. che schifo……ma non si vergogna?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>