La furia di Lady Gaga contro il suo biopic

di Lucia D Antuono Commenta

Lady Gaga si è letteralmente infuriata contro coloro che hanno deciso di riproporre sul grande schermo la sua vita. Mmiss Germanotta si è opposta alla realizzazione del biopic.

Quando si parla di Lady Gaga c’è quasi sempre una polemica che la riguarda. Miss Germanotta è conosciuta soprattutto per la sua grande grinta e voglia di essere la numero uno. Non importa insomma come venga raggiunto questo obiettivo, l’importante è far parlare di sé.

Di record l’esuberante cantante ne ha raggiunti, ad esempio pochi giorni fa Lady Gaga ha battuto Barack Obama su Twitter. Primati che ovviamente stanno stretti a Miss Germanotta, eppure la cantante non ha intenzione di mostrare sul grande schermo un biopic che la riguarda.

Ad Hollywood sembrava tutto pronto per Fame Monster: The Lady Gaga Story, un film che dovrebbe raccontare l’intera vita di Lady Gaga. La cantante italo-americana però si è infuriata con chi ha deciso di realizzare questo tipo di pellicola, insomma Miss Germanotta non ha proprio intenzione di mostrare al pubblico le debolezze che hanno accompagnato la sua vita. Lady Gaga era bulimica, ma era soprattutto una ragazza estromessa dalla vita sociale, ha vissuto periodi difficili durante la sua adolescenza e non ha intenzione di farli rivivere su un grande schermo.

Alcune persone vicine alla cantante hanno fatto sapere che Lady Gaga è contraria a questo biopic perché vuole che la gente continui a vederla come una donna forte e potente, questo film invece comprometterebbe non poco la sua reputazione. E’ brutto che una persona si vergogni del prorpio passato, è importante molte volte mostrare le proprie debolezze, ma per Lady Gaga non è possibile. Probabile quindi che dopo questa sfuriata il film non sia più in produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>