Ligabue torna sul palco dal 4 settembre

di Valentina Cervelli Commenta

Manca davvero pochissimo al ritorno di Ligabue sui palchi italiani: costretto inviare il suo tour a febbraio per motivi di salute, il cantante tornerà ad esibirsi dal prossimo 4 settembre nel suo “Made in Italy – Palasport 2017” tour.

Prima dell’interruzione vi erano stati alcuni rinvii e qualche esibizione non perfetta: un serio problema alle corde vocali lo ha costretto a sottoporsi a intervento chirurgico che ha tenuto lontano dal microfono per qualche mese. Non che sia stato con le mani in mano dato che ha lavorato sul film “Made In Italy” con protagonista un aficionados delle pellicole dell’artista: Stefano Accorsi. Vero è allo stesso tempo che I fan di Ligabue preferiscono averlo sul palco e poter interagire con lui nel corso dei concerti.

Non è stato facile per il cantante affrontare questo periodo fuori dalle scene, lui stesso lo ha definito un trauma e tornare a cantare con delle “nuove corde vocali” sarà qualcosa di nuovo anche per lui: non si deve dimenticare che l’operazione che lui ha seguito richiede anche la “pulizia” delle stesse. Spiega all’Ansa:

Da trent’anni giusti salgo su un palco a cantare. L’ho sempre fatto in ogni condizione (di salute, tecnica, psicologica, personale) anche quando la performance vocale poteva non essere buona. Per la prima volta mi è capitato di dovermi fermare, quindi per me è tutto “nuovo”. È “nuovo” risalire su un palco a tenere un concerto dopo quasi sei mesi di stop forzato, sono “nuove” le mie corde vocali, è ancora più “nuovo” mettere nello spettacolo immagini di un film già girato nel frattempo. Era “nuovo” per me realizzare un concept album, è ancora più “nuovo” averci ricavato un film.

Alcune scene del film verranno infatti mandate in onda in anteprima durante i live.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>