Madonna la regina del Super Bowl

di Lucia D Antuono Commenta

La regina del pop non ha deluso le aspettative e ha dato vita ad un spettacolo davvero travolgente durante l'intervallo del Super Bowl.

Doveva essere un ritorno alla grande e così è stato per Madonna che si è esibita nella notte italiana all’intervallo del Super Bowl. C’era grandissima attesa per lo show di Miss Ciccone e la cantante non ha deluso le aspettative.

Uno spettacolo di circa dodici minuti in cui Madonna ha tentato di dare il meglio di sé, lasciandosi alle spalle un’emozione più che evidente. Miss Ciccone ha stupito per la sua entrata in campo davvero trionfale, una regina come Cleopatra trasportata da vari centurioni.

La regina del pop è tornata e non ha alcuna intenzione di lasicare spazio alle altre cantanti. Uno show quello di Madonna al Super Bowl che però ha regalato anche delle polemiche. La prima è legata al gestaccio di M.I.A, cantante che ha collaborato al nuovo singolo di Madonna Give me all your luvin. Ebbene la giovane cantante non ha temuto di mostrare il suo dito medio a milioni e milioni di persone in tutto il mondo, un gesto la NBC non è riuscita a censurare. L’altra polemica è legata al possibile playback di Madonna.

La cantante in alcune parti della sua performance sembra abbia utilizzato prorpio il playback. Probabilmente Miss Ciccone voleva che tutto fosse perfetto e che l’emozione non le giocasse brutti scherzi. Dopo quindi aver presentato il video Give me alla your luvin di Madonna in anteprima, la cantante ci ha regalato finalmente la sua prima performance dal vivo del brano. Una canzone che potrà lottare per la vetta delle varie classifiche musicali senza alcun problema. Madonna è tornata, la regina del pop al Super Bowl ha dato solo un assaggio di ciò che farà durante il suo tour mondiale.

Esibizione Madonna al Super Bowl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>