Michael Jackson, record di vendite dopo la sua morte

di Stefania Russo Commenta

Che Michael Jackson fosse un mito lo sapevamo già, come già sapevamo che il suo album Thriller è ancora tutt'oggi l'album più..

michael jackson

Che Michael Jackson fosse un mito lo sapevamo già, come già sapevamo che il suo album Thriller è ancora tutt’oggi l’album più venduto in tutta la storia della musica, quello che invece ci stupisce ancora è che anche dopo la sua morte i suoi dischi continuano ad essere tra i più venduti.

Simon Fox, capo del distributore discografico HMV, ha reso noto che le vendite degli album di Michael Jackson dal giorno successivo alla sua morte si sono moltiplicate, andando così a superare anche due miti come John Lennon e Elvis Presley.


Anche dopo la morte di questi due artisti, infatti, miriadi di fan erano corsi a comprare i vecchi dischi fscendo registrare record di vendite, ma anche questa volta Jacko è riuscito a superare tutti e ad aggiudicarsi un nuovo record.


La HMV ha reso noto che dal giorno successivo alla morte di Michael Jackson tutti i suoi album hanno registrato un aumento delle vendite ma il più richiesto in assoluto è stata la compilation di successi Number One, mentre al secondo posto troviamo il mitico Thriller, in assoluto il suo disco più venduto e famoso. Si aggiudica il terzo posto, invece, King of pop, uscito lo scorso anno in occasione del 50esimo compleanno del cantante.

La morte di Jackson, quindi, ha risollevato i dati relativi alle vendite di dischi ma ha sicuramente danneggiato AEG, la società che si doveva occupare dell’organizzazione relativa ai 50 concerti di addio che Jacko doveva tenere a Londra e che, secondo quanto pubblicato dal Times, non ha assicurato circa 30 dei 50 concerti, per una perdita totale di circa 300 milioni di sterline.

E’ anche vero, però, che la stessa società possiede le registrazioni delle prove di questi concerti che presto diventeranno un disco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>