Canzone pubblicità Fiat 500 Cabrio, aprile 2011

di Elena Botta Commenta

In questi giorni sta andando in onda il nuovo spot della 500 Cabrio in cui si vedono una donna e un uomo che si trovano in una bagno e non riescono a trovare il rubinetto

02______________________________________________big

In questi giorni sta andando in onda il nuovo spot della 500 Cabrio in cui si vedono una donna e un uomo che si trovano in una bagno e non riescono a trovare il rubinetto.
All’inizio si vede la donna che cerca di lavarsi le mani ma senza riuscirci perchè non trova la fotocellula che aziona il getto dell’acqua fino a chè, presa da un impeto di rabbia, scaraventa un intero rotolo di carta dentro il lavandino; il ragazzo invece cerca di farsi la doccia ma, anche qui, con i rubinetti a scomparsa, si becca un getto d’acqua in piena faccia.
Loslogan è che la vita è già abbastanza complicata, ma Fiat cerca di renderla più facile, con idee semplici che servono ad aiutare la vita di tutti i giorni, come la 500 Cabrio al prezzo della 500 normale.
La canzone dello spot è Reality and Fantasy di Rafael Gualazzi, vincitore di Sanremo Giovani di quest’anno e rivelazione assoluta del panorama musicale italiano del 2011.


REALITY AND FANTASY
Someone, upon that wall
Is just gonna spend the night with my girl

That’s what I’m talkin’ about
That’s why
I’m gonna play this shout

RIT…..The wall between
Reality and fantasy
Is Sometimes so small
And not so tall

I’ve looked into your eyes
And it should make me feel so bright, satisfied
The only thing I’ve learned
Is just to fall, and fall, and fall!

RIT……

Have you ever seen the shame in life,
Smell of deadly colours in your sigh

Sometimes our life is strange
And it seems you gotta do it all by yourself
To arrange
Sensations never felt
that’s why my soul I’ll never sell
TRADUZIONE
Qualcuno, su quel muro
Passerà la notte con la mia ragazza
Di questo sto parlando
Ecco perchè
Canterò questo grido

Il muro tra
La realtà e la fantasia
A volte è così piccolo
E non così alto

Ho guardato nei tuoi occhi
E dovrei sentirmi luminoso, soddisfatto
L’unica cosa che ho imparato
E’ solo quella di cadere, cadere, e cadere

Hai mai visto la vergogna nella vita
Odore di colori mortali nel tuo sospiro

A volte la nostra vita è strana
E sembra http://airdave.it che devi fare tutto da solo
Organizzarti
Sensazioni mai sentite
per questo non venderò la mia anima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>