The Temper Trap in Italia

di Maurizio Iorio Commenta

Saranno in Italia per due date nel mese di giugno gli australiani The temper trap..

tempertrap

Saranno in Italia per due date nel mese di giugno gli australiani The temper trap, al Circolo degli Artisti di Roma il 15 ed all’Alcatraz di Milano il 16. i The temper trap sono gli autori del brano “Sweet disposition“, molto ascoltato in questo periodo da chi passa di frequente momenti con la radio accesa, ed hanno anche girato un videoclip per lo stesso brano che potrete vedere su Youtube . La band si forma in Australia nel 2005, ma non arriva al successo fino al 2009, anno dell’album di debutto “Conditions“, contentente il già citato singolo tormentone “Sweet disposition”, che fa guadagnare alla band un ottimo successo oltre i propri confini geografici.



The temper trap, autori anche del precedente lavoro discografico “The Temper Trap EP“, sono Dougy Mandagi alla voce ed alla chitarra, Jonathon Aherne al basso, Lorenzo Sillitto alla chitarra ed alle tastiere ed infine Toby Dundas alla batteria.La band è stata portata al successo anche grazie ad un sapiente, intelligente e per un certo verso anacronistico uso dei singoli, compaiono infatti con Science of fear nel famosissimo, e vendutissimo, videogioco FIFA 2010 e con Sweet disposition nella colonna sonora e nel trailer ufficiale del film (500)Giorni insieme.

L’album “Conditions” viene pubblicato nel 2009 e contiene forti influenze dall’indie all’alternative rock fino all’elettronica, e vengono citati come principali influenze artisti come U2, Radiohead, Massive Attack e Prince.Dopo il primo tour del Regno unito ed una serie di concerti in Germania, il gruppo arriva in Italia.Queste le date:
15.06.2010 ROMA Circolo degli Artisti
16.06.2010 MILANO Alcatraz Info su www.liveinitaly.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>