Premio Parlare Musica Fabrizio De André

di Filadelfo Scamporrino Commenta

L’obiettivo del Premio in epigrafe “Parlare Musica” Fabrizio De André è quello di stimolare la creatività tra quegli artisti e quegli autori che, pur avendo talento, non sono noti al grande pubblico.

Scadono il 30 giugno del 2012 i termini per la partecipazione a “Parlare Musica” Premio Fabrizio De André, bandito dalla Monna Lisa srl e patrocinato dalla Fondazione Fabrizio De André. Sono tre le sezioni in cui è suddiviso il Premio: il premio alla canzone d’autore, il premio al migliore interprete ed il premio per la poesia.

In accordo con quanto riportato dal sito Internet Monnalisasrl.it, i partecipanti a “Parlare Musica” Premio Fabrizio De André non devono essere iscritti alla Siae e devono avere almeno 18 anni, altrimenti occorre che alla domanda di partecipazione sia allegata anche l’autorizzazione da parte di chi esercita sul minore la patria potestà.



LE 10 MIGLIORI BAND DELLA STORIA DELLA MUSICA SECONDO NOEL GALLAGHER

L’obiettivo del Premio in epigrafe “Parlare Musica” Fabrizio De André è quello di stimolare la creatività tra quegli artisti e quegli autori che, pur avendo talento, non sono noti al grande pubblico. In questo modo viene incentivata la produzione artistica fornendo sia vitalità, sia originalità.

CANZONI PREMIO AMNESTY ITALIA 2012

La fase finale del Premio Parlare Musica Fabrizio De André avrà una durata di tre giorni e si terrà alla fine del prossimo mese di settembre nella Capitale. Nel dettaglio, le prime due sere prevedono le esibizioni da parte dei partecipanti alla sezione “Miglior Interprete” e “Canzone d’Autore”, mentre per le poesie a leggerle saranno importanti personalità del mondo della cultura. Nella terza ed ultima serata della fase finale saranno invece proclamati i vincitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>