Il successo e le polemiche legate ad Ai se eu te pego di Michel Telò

di Lucia D Antuono Commenta

Ai se eu te pego di Michel Telò continua ad essere la canzone più venduta in Italia, ma sono scattate varei polemiche sulla paternità del brano. I Los Locos parlano di plagio.

In queste ultime settimane c’è stato in tutto il mondo la diffusione di un brano brasiliano che sta letteralmente spopolando. Si tratta di Ai se eu te pego di Michel Telò, il nuovo tormentone musicale. Siamo di solito abituati ad ascoltare questo tipo di canzoni, fortemente ballerine, soprattutto in estate, ma Ai se eu te pego è riuscita a sbancare in pieno inverno.

Il merito è da dare indubbiamente ad alcuni calciatori che hanno ballato questo brano dopo alcuni gol. Ora però ci sono molte polemiche riguardo alla paternità del brano. In poche parole in Brasile è da tempo che esiste questa canzone, Michel Telò però l’ha riadattata a modo suo facendone una sorta di cover, ma cambiando alcune parole del testo.

Il cantante, con i suoi autori, ha quindi tentato di realizare una cosa originale. Ciò però non è servito perché c’è anche il duo italiano dei Los Locos che rivendica la paternità di tale brano. Non solo, perché gli ideatori di brani latino americani fortemente ballati negli anni passati, a quanto pare anche il balletto è identico a quello che Michel Telò ha dato vita.

Una polemica che difficilmente si placherà e che la Energy Production, che cura i diritti del cantante brasiliano, ha risposto a tali accuse definendo che non si tratta assolutamente di plagio. Anzi a quanto pare sono stati i Los Locos a creare subito una cover della canzone di Telò tentando in questo modo di confondere il pubblico e rivendicando la paternità del brano. La cosa a quanto pare certa è che Michel Telò si è basato su un brano del passato per farne una covere riadattata, quella del Los Locos a quanto pare è arrivata successivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>