La canzone Stayin’ alive aiuta a stare meglio

di Luca 1

La canzone infatti contiene 103 battiti al minuto in confronto ai 100 consigliati per le procedure da seguire..

bee gees

Secondo un recente studio un team di dottori americani avrebbe scoperto che la canzone dei Bee Gees Stayin’ alive potrebbe salvare da un attacco cardiaco se si procedesse a fare un massaggio cardiaco seguendo il ritmo del brano.

La canzone infatti contiene 103 battiti al minuto in confronto ai 100 consigliati per le procedure da seguire in questi casi.


Lo studio è stato fatto all’Università di medicina dell’Illinois. In questa sede gli studenti hanno seguito la procedura nei casi di attacco cardiaco su dei manichini collegati ad un’apparecchiatura che verificava se il soggetto si fosse salvato qualora si fosse trattato di una persona reale colpita da attacco cardiaco. Gli studenti che hanno “operato”, l’hanno fatto mentre ascoltavano il classico disco dei tre fratelli Gibb.

L’hanno poi rifatto tre settimane dopo con il preciso ordine di pensare attentamente al ritmo della canzone.


E gli effetti i risultati si sono visti perché pensando ai battiti della canzone il modo in cui hanno svolto la procedura era totalmente diverso e l’esito si è dimostrato più che positivo. L’Università ha anche dichiarato che questo trucco, se così possiamo chiamarlo, è in uso da circa due anni e si è sempre dimostrato positivo. Allora è vero quando si dice che a volte la musica può aiutare a stare meglio.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>