Rihanna rischia il licenziamento

di Lucia D Antuono Commenta

Rihanna rischia il licenziamento, la cantante delle Barbados è troppo presa daeel notti brave.

Guai in vista per la popstar Rihanna. La cantante delle Barbados sta ormai giocando un pò troppo con il fuoco e il suo produttore Jay-Z non riesce più a sopportare le sue bravate. Rihanna è diventata una miniera d’oro, è una popstar che non si ferma mai, ma questa sua eccessiva voglia di essere costatnemente al centro dell’attezione le sta causando non pochi problemi.

La cantante delle Barbados ama insomma il divertimento e soprattutto ritrovarsi nei vari night club a fare baldoria. Un ritmo così accelerato che si sta rivelando un grosso problema per la cantante delle Barbados. Qualche tempo fa Rihanna è finita in ospedale per esaurimento, un piccolo campanello d’allarme che il suo fisico le ha lanciato, un modo insomma per farle capire che una vita così frenetica e ricca di alcol con l’andar del tempo può distruggerla.

Un avvertimento che però Rihanna non ha voluto assolutamente ascoltare, ma se continua su questa strada rischia seriamente il licenziamento. Il produttore Jay-Z è stanco delle sue continue bravate, delle sue ore piccole e degli inevitabili ritardi che è solita fare agli appuntamenti di lavoro. Così il marito di Beyoncé le ha lanciato un bell’ultimatum o inizia seriamente a prendere il suo lavoro oppure non lavorerà più con la sua etichetta.

Rihanna rischia il licenziamento e anche se è riuscita ad ottenere dei grandi successi in questi ultimi anni, non può assolutamente continuare a fare questa vita. Jay-Z è stato abbastanza chiaro, ora bisogna capire se Rihanna avrà afferrato il concetto. Per lo psicologo Jo Hemmings la cantante delle Barbados soffre di un disturbo narcisistico della personalità e questo la spinge a voler stare sempre al centro dell’attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>