Giovanni Allevi vuole “svecchiare” la musica classica

di Stefania Russo 2

Ama la musica classica e la suona con il suo piano in maniera a dir poco divina, riuscendo così a far appassionare a questo..

giovanni-allevi

Ama la musica classica e la suona con il suo piano in maniera a dir poco divina, riuscendo così a far appassionare a questo genere di musica anche persone che fino a poco tempo fa pensavano che la musica classica fosse un qualcosa di adatto solo a persone di una certa età.

Stiamo parlando di Giovanni Allevi, il pianista che ha deciso di compiere una vera e propria impresa, quella di “svecchiarela musica classica e di trasformarla in un genere musicale compatibile con la realtà di oggi e di allontanarla dagli accademismi rigidi che fino ad ora l’hanno caratterizzata, per far capire ai giovani che la musica classica è bella quanto il rock, il pop, e tutti gli altri generi normalmente ascoltati dai ragazzi.


Durante una recente intervista il pianista ha rivelato di essere alla continua ricerca di soluzioni per togliere quell’alone di polvere dalla musica classica e restituila alla gente come forma di comunicazione. Rientra tra queste soluzioni anche il concerto che terrà il 1 settembre all’Arena di Verona con la All Stars Orchestra, composta da 90 elementi e che mette insieme i musicisti più famosi del mondo.


Ovviamente queste idee di Giovanni Allevi hanno suscitato l’ira del mondo accademico, ma del resto Allevi da un lato giustifica queste persone perchè, come ha spiegato, i duri anni di studio portano le persone a credere che la musica classica sia l’unico tipo di genere musicale degno di essere preso in considerazione.

Allevi definisce questa idea sbagliatissima e a riguardo ha affermato: “è in atto un cambiamento, piaccia o no. Chi lo nega è indietro nel tempo di cinquant’anni, è fuori dalla realtà. Buona parte della musica classica del Novecento, come manifesto programmatico che nasceva da esigenze poltiche, culturali, storiche, praticava l’incomprensibilità. Rispettabile, certo, però bisogna guardare al futuro, sforzandosi di cogliere in musica lo spirito del tempo“.

Commenti (2)

  1. Penso che Allevi sia molto bravo col pianoforte, ma i concerti per pianoforte e orchestra…meglio che li lasci fare a Beethoven =)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>