Astronave Max è il nuvo album di Max Pezzali

di Pina Commenta

Da ieri, lunedì 1 giugno 2015, è disponibile in tutti i negozi di dischi e negli stores digitali “Astronave Max”, il nuovo album dell’ex frontman degli 883 Max Pezzali.

Max Pezzali

L’album si è già piazzato al secondo posto tra i dischi più venduti su iTunes nella classifica generale. “Astronave Max” esce a quattro anni di distanza da “Terraferma”, pubblicato nel 2011 in concomitanza con la partecipazione a Sanremo (la canzone portata da Pezzali al Festival era “Il mio secondo tempo”, un’ode ai suoi primi quarant’anni). Nel mezzo c’è stato il tempo per due celebration album: “Hanno ucciso l’uomo ragno 2012” e “Max 20”. Con il primo è stato festeggiato il ventennale dell’album culto degli 883; con il secondo il ventennale della carriera del leader del gruppo.

Anticipato dal primo singolo “E’ venerdì”, “Astronave Max” è un viaggio nell’universo del cantante di Pavia lanciato da Claudio Cecchetto e autore di hit indimenticabili durante gli anni novanta. Un artista, Pezzali, che ha saputo sopravvivere al tempo e alle mode passeggere tornando quasi sempre sulla cresta dell’onda. Un merito, questo, che va diviso con il suo produttore storico. Cecchetto, si sa, è un vero e proprio scopritore di talenti (leggi Jovanotti).

L’album tratta alcune delle tematiche più vicine alla poetica dell’ex leader degli 883 quali ad esempio l’amore perduto, descritto nella fase in cui un domani sembra non arrivare mai e l’odio prende il sopravvento alla fine di una storia (“Sopravviverai”) e la motocicletta (“Prima in basso”).

Tracklist

1 – È venerdì

2 – La prima in basso

3 – Superstar

4 – Sopravviverai

5 – I fiori nel deserto

6 – Col senno di poi

7 – Niente di grave

8 – Generazioni

9 – L’astronave madre

10 – Fallo tu

11 – Come Bonnie e Clyde

12 – Ogni giorno una canzone

13 – Il treno

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>