“C’eravamo tanto odiati” di Neffa e J-Ax

di Stefania Russo Commenta

Esce oggi 1 giugno "C'eravamo tanto odiati", il primo album dei Due di Picche, il duo composto da J-Ax e Neffa, un titolo che non è stato..

C'eravamo tanto odiati

Esce oggi 1 giugno “C’eravamo tanto odiati“, il primo album dei Due di Picche, il duo composto da J-Ax e Neffa. Il titolo del disco non è stato affatto scelto a caso, prima di conoscersi bene e di decidere di collaborare insieme a questo progetto i due cantanti non si piacevano affatto, di certo “odiati” è una parola un pò troppo grande per descrivere il loro rapporto passato, diciamo semplicemente che non si trovavano simpatici.

L’album è stato anticipato dal singolo “Faccia come il cuore“, un brano ironico in cui si prendono in giro i tormentoni musicali, un modo come un altro per divertirsi, un messaggio che però in molti sembrano non aver recepito.


Neffa, infatti, nel corso di una recente intervista ha rivelato che oggi in Italia si tende a prendere le cose troppo sul serio, non si lascia sufficiente spazio al gioco e all’ironia, sembra quasi che per far comprendere a tutti il vero significato della canzone siano necessari i sottotitoli.


Il duo ha spiegato che questo disco è semplicemente nato dall’idea di realizzare un progetto divertente, un qualcosa che non tutti gli artisti si possono permettere di fare, scegliendo invece di proporre la musica secondo la tradizionale ricetta, ossia fare qualcosa che piace al pubblico. Loro, invece, hanno deciso di fare un disco per puro divertimento, proponendo la loro musica senza preoccuparsi di quello che potesse pensare il pubblico, un comportamento che a loro avviso è indice di onestà e coerenza.

Quella tra Neffa e J-Ax, tuttavia, sembra essere una collaborazione isolata, i due contemporaneamente stanno portando avanti i rispettivi progetti da solista, Neffa ha da poco terminato il tour “Sognando Contromano” e si prepara ad un periodo di riposo prima di tornare al lavoro mentre J-Ax sta lavorando al suo nuovo disco che dovrebbe uscire alla fine del 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>