Katherine Jenkins torna con Believe -the platinum edition

di Elena Botta Commenta

Il 29 novembre arriva nelle radio italiane Katherine Jenkins con Tell me I'm not dreaming un inedito brano dalle sonorità pop accativanti.

katherine-jenkins

Il 29 novembre arriva nelle radio italiane Katherine Jenkins con Tell me I’m not dreaming un inedito brano dalle sonorità pop accativanti.
E’ una ballata pop scritta da David Hodges (Evanescence, Kelly Clarkson) e prodotta da John Shanks (Take That,Jon Bon Jovi, Celine Dion) che sarà contenuta all’interno dell’album Believe -the platinum edition che uscirà in Italia il 30 novembre prossimo.
Believe che quando uscì raggiunse la vetta della classifica britannica, è stato prodotto da David Foster e ha spinto la cantante inglese al di là delle classifiche di musica classica facendola diventare la prima interprete mezzosoprano dei nostri giorni.



Katherine Jenkins si è diplomata alla Royal Academy of Music e prima si era già esibita di fronte a Papa Giovanni Paolo II e nell’opera house di Sidney prima di pubblicare il suo primo album Premiere del 2004.
L’album ebbe un successo fenomenale e con la pubblicazione del secondo album Second Nature la cantante divenne il volto ufficiale del classical crossover nel Regno Unito, oltre a farle aggiudicare il best album nell’edizione del 2005 dei Classical Brit Awards.
Il suo terzo album è Living a dream che ha permesso alla cantante di aggiudicarsi per la seconda volta consecutiva il premio per il best album ai Classical Brit Awards.
I tre album successivi Serenade Rejoice e Sacred Arias sono tutti entrati nella top 5 delle classifiche mainstream ed il loro successo è stato portato avanti dall’attività live della cantante che è culminata con lo spettacolo Viva la diva assieme alla prima ballerina del Royal Ballet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>