Nicole Scherzinger lascia le Pussycat Dolls

di Elena Botta Commenta

Nicole Scherzinger ha lasciato le Pussycat Dolls proprio in concomitanza con il successo del suo primo singolo da solista Poison che attualmente è al terzo posto delle classifiche inglesi

nicole-scherzinger

Nicole Scherzinger ha lasciato le Pussycat Dolls proprio in concomitanza con il successo del suo primo singolo da solista Poison che attualmente è al terzo posto delle classifiche inglesi.
La notizia quindi non lascia stupiti visto che la cosa era inevitabile, visto che già da tempo giravano voci che la cantante volesse spiccare il volo da sola.
Soprattutto quale momnento migliore, se non ora che sta riscuotendo successo con il suo nuovo album? Chiaro è che se fosse stato un flop clamoroso ,se ne sarebbe stata zitta e buona assieme alle altre Pussycat.
Caratterialmente si è sempre dimostrata molto forte e questo la metteva in risalto sulle altre; ha sempre voluto esibirsi in prima linea a discapito delle altre e lo spirito di gruppo da lei non veniva contemplato, era diposta a qualsiasi cosa per riuscire a primeggiare e questo comportamento non era molto indicato per un membro di una band.



Dopo essere stata cortesemente invitata a lasciare il gruppo, Nicole ha dichiarato: “Abbiamo avuto il nostro momento. Alcune ragazze hanno lasciato il gruppo. E’ stata una cosa fuori dal mio controllo. Non volevo stare in un gruppo con altre ragazze visto che con le altre eravamo come una famiglia“, anche se in realtà non suona molto credibile.
Non per niente è stato un plebiscito quello di tutte le altre componenti che erano stufe dei sui comportamenti da super donna e da comandante, ora però si trovano tutte disoccupate.
Forse però meglio senza lavoro che rapportarsi con una persona arrivista e prepotente, ai posteri l’ardua sentenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>