“Vivi per miracolo” dei Gemelli Diversi, ancora polemiche sul Festival di Sanremo

di Stefania Russo 2

Dopo le polemiche suscitate dalla canzone di Povia "Luce era gay", che ha provocato notevoli lamentele da parte..

Dopo le polemiche suscitate dalla canzone di PoviaLuca era gay“, che ha provocato notevoli lamentele da parte dell’Arcigay, e della canzone di Marco Masini intitolata “L’Italia“, definita una pesante un’offesa per il nostro paese, sono in agguato ulteriori polemiche relative ad un’altra canzone che parteciparà al Festival di Sanremo, quella dei Gemelli Diversi intitolata “Vivi per miracolo“.


I Gemelli Diversi sono stai recentemente ospiti del programma “America me senti“, condotto da Paolo Bonolis e trasmesso su Radiodue, dove hanno parlato della loro canzone spiegando che si tratta di un brano molto forte che affronta temi quali aborto, prostituzione e violenza domestica.

Il brano, hanno spiegato i Gemelli Diversi, come si può ben capire dai temi trattati, non è nato per essere portato al Festival di Sanremo ma, tuttavia, una serie di circostanze ne hanno determinato la partecipazione.

La canzone, come se non bastasse, contiene anche numerose parolacce che però, hanno tranquillizzato i Gemelli Diversi, non faranno scalpore poichè rientrano in quelle già usate in passato da altri cantanti come, ad esempio, Marco Masini.

“Vivi per miracolo” sarà il primo singolo estratto dal loro nuovo album intitolato “The best of Gemelli Diversi“, una raccolta dei loro principali successi con, in più, tre inediti.

Commenti (2)

  1. “contiene anche numerose parolacce” sono solamnte 2.. e poi non hanno detto “rientrano in quelle già usate in passato da altri cantanti come, ad esempio, Marco Masini”
    ma ke masini nella canzone ke porterà a sanremo ci saranno parolaccie..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>