Nuovo singolo Taylor Swift I knew you were trouble

di Lucia D Antuono Commenta

Il nuovo singolo di Taylor Swift è I knew were trouble, terzo estratto dall'album di grande successo Red.

Anno a dir poco fantastico per la giovane cantante country Taylor Swift. La rivelazione della musica americana ormai è diventata una vera e propria popstar, raggiungendo un traguardo importantissimo in pochissimo tempo.

Arriva ora anche il suo terzo singolo estratto dall’album Red, un lavoro che le ha già fruttato più di due milioni di copie vendute solo negli Stati Uniti. Il nuovo singolo di Taylor Swift è I knew you were trouble, brano che la bella biondina ha presentato domenica scorsa in esclusiva agli American Music Awards 2012, dove si è aggiudicata anche il premio come miglior artista femminile.

Periodo quindi d’oro per Taylor Swift che qualche settimana fa ha trionfato anche agli MTV EMA 2012 i vincitori. Il nuovo singolo di Taylor Swift, I knew you were trouble, stupisce non poco per delle sonorità alquanto differenti rispetto a quelle a cui la bella cantante country ci aveva abituato in passato. Il brano infatti presenta un sound molto più forte e aggressivo, in stile prettamente punk, un cambiamento però che è stato accolto con grande entusiasmo sia dalla critica che dai fan della cantante.

Che ora anche Taylor Swift stia pensando ad un cambiamento totale d’immagine? La cantane si è sempre insomma presentata come la ragazza dolce della porta accanto, ma in quest’ultimo brano, I knew you were trouble, sembra voler mostrare un punto di svolta della sua carriera, puntando perché no anche più sul lato prettamente trasgressivo. Ci vorrà però ancora un po’ di tempo prima che il nuovo singolo di Taylor Swift faccia la sua comparsa nelle radio italiane, solo il 10 dicembre avremo modo di ascoltarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>