I Cinque passi in più di Alessandra Amoroso

di Lucia D Antuono Commenta

Alesandra Amoroso ha presentato il suo nuovo lavoro discografico Cinque passi in più. La cantante salentina confessa le difficoltà nel dover crescere e nonostante il successo è ancora perseguitata dalle paure del passato.

Alessandra Amoroso ha presentato in questi giorni, nel grande scenario di Piazza di Spagna, il suo nuovo lavoro discografico Cinque passi in più. La vincitrice di Amici 8 è da circa due anni e mezzo sulla cresta dell’onda, anni importanti che hanno contribuito a farla crescere, a diventare una cantante più matura.

Il nuovo singolo di Alessandra Amoroso E’ vero che vuoi restare è già stato confermato come un grande successo, fa parte del nuovo album Cinque passi in più che è una sorta di raccolta delle sue canzoni migliori e in più ci sono cinque inediti molto interessanti. E’ un album live che contiene anche dei dvd in cui è raccolto il grande concerto che Alessandra Amoroso ha dato vita in quest’estate al Forum di Assago di Milano.

La presentazione del nuovo lavoro discografico è stata molto commovente per la talentuosa Amoroso, la cantante ha versato lacrime di gioia per la folla che la acclamava, confermando come lei sia sempre rimasta la ragazza di un tempo. La forza di Alessandra Amoroso vige proprio nella sua semplicità, nella voglia di rimanere ancorata alla vita normale di tutti i giorni, senza montarsi la testa.

Non si mostra da grande diva, ma la cantante salentina vuole solo farsi conoscere per quello che è dai suoi fan, coloro che le hanno garantito questo incredibile successo. Non è un caso che Alessandra Amoroso abbia intitolato quest’album Cinque passi in più, questi infatti sono i passi lenti che la cantante sta intraprendendo per poter continuare a crescere, nonostante si ripropongano costantemente le stesse paure del passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>