Chris Brown picchia Rihanna

di Stefania Russo 1

In realtà, però, le cose non sono affatto chiare. La polizia,infatti, non ha mai parlato di Rihanna ma ha semplicemente..

Doveva tenere un’esibizione live sul palco dei Grammy Award la scorsa notte e, invece, purtroppo non ha potuto essere presente all’evento. Stiamo parlando di Rihanna, la cantante che poche ore prima dall’inizio dello show ha subito una pesante aggressione dal fidanzato Chris Brown.
Brown si è subito costituito alla polizia ed è stato immediatamente arrestato ma, tuttavia, soltanto per poche ore poichè è già riuscito ad uscire pagando una cauzione di 50.000 dollari.

L’aggressione ha causato lividi ed escoriazioni sul viso e sul corpo della povera Rihanna che, per questo, è stata costretta a rinunciare a partecipare ai Grammy Awards. Si è parlato anche di un ricovero in ospedale della cantante ma la sua agente non ha nè confermato nè smentito la questione, ha solo affermato che Rihanna “sta bene”.


In realtà, però, le cose non sono affatto chiare. La polizia,infatti, non ha mai parlato di Rihanna ma ha semplicemente detto che Brown ha aggredito una donna che era con lui in auto presso l’Hancock Park di Los Angeles. I due, poi, sono scesi dall’auto e la lite è diventata più violenta. I sostenitori di questa tesi, quindi, affermano che Rihanna sia del tutto estranea alla vicenda e che, semplicemente, non abbia partecipato ai Grammy Award per essere vicina al suo fidanzato.


Questa versione, tuttavia, non convince molti, soprattutto perchè se così fosse Rihanna sarebbe stata di sicuro avvistata e invece di lei non si ha più alcuna traccia, forse proprio per nascondere i lividi e, quindi, la conferma di quanto è realmente accaduto.

Un portavoce della casa discografica di Brown ha riferito che l’etichetta non ha intenzione di rilasciare alcuna dichiarazione e che per ogni informazione occorre rivolgersi a Mark Geragos, l’avvocato di Brown.
Le cose, quindi, non sono ancora ben chiaro anche se, in ogni caso, si tratta di una bruttissima vicenda che ha trasformato in un incubo quello che doveva essere un giorno memorabile.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>