Marco Carta al secondo posto degli album più venduti

di Lucia D Antuono Commenta

Marco Carta è risucito a piazzarsi subito al secondo posto degli album più venduti in Italia.

Marco Carta è ritornato alla grande sulle scene musicali, spinto probabilmente anche dalla nuova visibilità ottenuta grazie alla partecipazione del serale di Amici, il cantante sardo si è subito piazzato al secondo posto dei dischi più venduti.

Il nuovo album di Marco Carta, Necessità lunatica, è infatti piombato rapidamente in vetta alla classifica degli album più venduti, un risultato importante che ha fatto sprofondare al terzo posto MDNA di Madonna. Miss Ciccone è stata quindi superata in classifica anche da Marco Carta, il che testimonia ancora di più come forse MDNA di Madonna sia praticamente un flop.

Non ha resistito nemmeno una settimana in vetta alla classifica degli album più venduti nel nostro Paese, il suo nuovo progetto discografico è praticamente in caduta libera. Questo insomma fa capire come probabilmente ormai la musica di Madonna non attiri più come un tempo, la regina del pop si è adeguata a ciò che i nuovi tempi della musica propongono, snaturando probabilmente il suo vero essere. Orami la musica sembra essere tutta uguale, c’è bisogno invece di qualcosa di diverso per poter fare la differenza in questo campo.

Al primo posto degli album più venduti in Italia ritroviamo come sempre Vasco Rossi che con L’altra metà del cielo sta riscuotendo grandissimo successo. Difficile che Marco Carta possa spodestare dalla vetta un mostro sacro come il Blasco, ma il suo nuovo album Necessità lunatica ha al momento ottenuto un ottimo risultato in poco tempo. Potrebbe quindi esserci anche un’interessante sorpresa per i prossimi giorni, la classifica italiana degli album più venduti potrebbe ulteriormente mutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>