Vasco conquista i 220mila di Modena Park ( e non solo)

di Valentina Cervelli Commenta

Vasco Rossi conquista il Modena Park e tutte le anime che lo hanno riempito per godere di questo mega concerto che il cantante ha offerto ai suoi fan ed estimatori di tutta Italia. Il colpo d’occhio guardando le immagini è impressionante, la folla osannante altrettanto.

E se il concerto inizia sulle note di “Zarathustra” gli perdoniamo le manie di grandezza perché effettivamente l’entrata in scena, sebbene molto tranquilla e corredata solo da una giacca gialla e da un cappello scuro, per tutti coloro che erano presenti ha rappresentato l’ingresso in campo di un campione. La tracklist presenta senza dubbio tutti quelli che sono i maggiori successi di Vasco Rossi dall’esordio della sua carriera fino ad arrivare ai giorni nostri e non è difficile comprendere perché questo cantante rock, amato odiato non importa, per molti abbia rappresentato una vera e propria rivoluzione.

Il messaggio che più risalta durante il corso di tutta la nottata è quello di non avere paura: i controlli sono stati capillari e immensi, la sicurezza portata allo stremo e la voglia di festeggiare il Blasco ha portato la massa enorme di persone a collaborare al meglio su tutti i fronti.

E la cosa bella, che può essere apprezzata da tutti, e che come il poeta preparato che è Vasco è in grado di incantare ma al contempo di prendere in giro se stesso e gli altri sul cambiamento che la società ha vissuto da quando lui ha iniziato a muovere i primi passi nella musica fino ad oggi, con quello che con molta probabilità sarà forse l’ultimo concerto. Di certo superare quello che è avvenuto ieri sera sarà molto difficile. Ed il fatto che sia stato trasmesso in diretta televisiva su RaiUno ha portato anche coloro che non sono riusciti ad essere presenti a vivere la magia di un sogno come quello di Modena Park.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>