Amy Winehouse pericolo di morte

di Redazione 2

A seguito del suo ricovero in ospedale la diagnosi sembrava certa: turbecolosi. Oggi il quadro clinico..

Come si può a 24 anni ridursi in fin di vita in molti ce lo chiediamo, ma giudicare è facile, meglio sperare quindi. Questo lo stato d’animo di molti pensando alla cantante britannica Amy Winehouse, voce splendida e particolare, unica, ma maledettamente risucchiata da un vortice che la sta portando rapidamente verso una fine che definire brutta è riduttivo!

A seguito del suo ricovero in ospedale la diagnosi sembrava certa: turbecolosi. Oggi il quadro clinico sembra aggravarsi ancora di più: la diagnosi più certa è enfisema polmonare. L’abuso di droghe la sta inesorabilmente consumando, rovinando per sempre la sua voce, ma questo è il minino, ora Amy rischia davvero di morire.

Si proprio così, i medici sono certi, se non smetterà con gli eccessi Amy Winehouse sarà a costretta a vivere con un maschera per l’ossigeno e lentamente si spegnerà. Da tempo si era a conoscenza della sua vita fatta di eccessi e brutte abitudini, ma da quando la scorsa settimana la cantante è collassata davanti la sua casa di Londra, si è capito che la realtà dei fatti era molto differente e ben più grave.



I medici l’hanno avvertita: “Deve assolutamente smettere con le droghe o morirà”. I fan e gli amici più cari le restano vicino e la incoraggiano a riprendersi lontano dalla musica, ma di certo il suo percorso riabilitativo non sarà né facile né breve. Ma chi sa, presto potremmo rivederla in forma cantare i suoi grandi successi come “Rehab”, “Back to Black” e tanti altri, o almeno lo speriamo.

Di certo sarà quasi impossibile che possa prendere parte al concerto per il novantesimo compleanno di Nelson Mandela, che si terrà ad Hyde Parl il 27 giugno. La sua assenza si farà sentire, ma l’importante è che si riprenda e che capisca il valore della vita, che è troppo preziosa per essere buttata via così.

lamluc

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>