Lady Gaga ricorda Amy Winehouse a The View

di Verna Vito Commenta

Lady Gaga, pochi giorni fa, ha parlato di Amy Winehouse, affermando come non si debba speculare sulla morte degli artisti.

Lady Gaga parla di Amy Winehouse

Non più tardi di qualche giorno fa Lady Gaga, nel corso di un intervista con Whoopi Goldberg, talentuosa attrice afroamericana nonché brillante conduttrice (insieme a Barbara Walters, Joy Behar, Elisabeth Hasselbeck e Sherri Shepherd) del programma tutto femminile The View, in onda sulla ABC statunitense sin dal 1997, è tornata sullo scottante argomento delle speculazioni sulla morte di Amy Winehouse, artista che non soltanto Gaga conosceva personalmente, ma che stimava enormemente, considerandola un’artista delle più talentuose che la musica jazz abbia mai conosciuto.


Presente ai funerali di Amy Winehouse, Lady Gaga ha voluto lanciare un appello in favore della blueswoman, chiedendo che le major discografiche nonché le case editrici (ricordiamo che il 5 agosto 2011, domani, uscira Amy Winehouse Fino alla Morte, primo instant book italiano sugli ultimi giorni di vita di Amy) la smettano di speculare su una vicenda di solitudine e tristezza che, purtroppo, non si è conclusa con il tanto desiderabile lieto fine.

La cantante pop, ai vertici delle classifiche mondiali grazie al proprio ultimo lavoro, il coinvolgente Born This Way, ha chiesto anche che la si smettesse di prendere ad esempio Amy Winehouse per convincere i ragazzini a non drogarsi, poichè Amy non ha nulla da insegnare a nessuno e che il suo male di vivere può essere compreso soltanto da persone che hanno vissuto le sue stesse esperienze e che, con l’aiuto dei propri cari, sono riusciti ad uscire non soltanto dal tunnel della droga bensì dal tunnel della tristezza e della melanconia che, però, avverte Lady Gaga, è l’ingrediente segreto che rende la musica di alcuni artisti apprezzata globalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>