Mika, la madre gli lancia una maledizione

di Stefania Russo Commenta

"The Boy Who Knew Too Much" e il nuovo album di inediti di Mika che inizialmente era stato intitolato "We are golden", proprio come..

mika

The Boy Who Knew Too Much” e il nuovo album di inediti di Mika che inizialmente era stato intitolato “We are golden“, proprio come il singolo che anticipa il disco e che è già in rotazione sulle principali emittenti radiofoniche dalla fine di Luglio.

Il nuovo album uscirà il 21 settembre ma nel frattempo il cantante britannico nato in Libano ha deciso di intrattenere tutti i suoi fan e iniziare a far parlare del suo nuovo disco raccontanto un curioso aneddoto.


Il cantante, infatti, ha raccontato che per comporre i brani contenuti in questo suo ultimo disco aveva deciso di acquistare una lussuossima villa a Los Angeles in cui potersi rifugiarsi per comporre le canzoni, godendo di piena tranquillità e dei confort che solo una mega casa di lusso è in grado di assicurare.

Ebbene, pare che questa idea non sia piaciuta a sua madre che tiene molto alla moralità e alla disciplina di suo figlio e per questo ha affermato che vivere nel lusso sarebbe stato dannoso per lui e che gli avrebbe portato sfortuna.


La donna, quindi, per cercare di convincere suo figlio a rinunciare alla villa gli ha scagliato contro una maledizione affermando che se avesse composto le canzoni nella villa di lusso l’album sarebbe andato sicuramente male.

Parole a cui alcune persone avrebbero dato poco peso, ma non Mika che essendo molto superstizioso ha deciso di rinunciare ai confort della villa e ha scelto di comporre le canzoni del nuovo album nello stesso appartamento in cui aveva composto quelle contenute nel suo primo album, nella speranza che questo aiuti il secondo disco quantomeno ad eguagliare il successo del primo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>