James Blunt lascia la musica

di Lucia D Antuono Commenta

Il cantante inglese James Blunt ha deciso di abbandonare la sua carriera musicale e di dedicarsi di più a sé stesso.

Il mondo della musica perde un cantante che con i suoi primi tre album ha venduto oltre 18 milioni di copie in tutto il mondo. Incredibilmente James Blunt ha deciso di lasciare la musica, una notizia che ha non poco stupito tutti gli appassionati di questo mondo.

La decisione è stata presa qualche giorno fa, ma James Blunt è da febbraio di quest’anno, quando ha terminato il suo ultimo tour, che ha iniziato a pensare all’addio. Il tempo per riflettere quindi c’è stato e se è arrivato a prendere tale decisione ci sarà sicuramente qualche motivazione sensata di fondo.

In realtà non è ancora del tutto chiaro il perché James Blunt abbia deciso di lasciare la musica, ma la sua vita è sempre stata fondata su decisioni alquanto importanti. Il talentuoso Blunt, prima di essere un cantante era un militare, è stato per qualche tempo in Kossovo, poi la svolta e la voglia di raccontare le sue sensazioni, le sue paure, i suoi sentimenti attraverso la musica. Arriva così il suo primo singolo, You’re beautiful, un successo planetario che lancia James Blant tra i grandi cantanti della musica internazionale.

Gli è bastato questo singolo per diventare qualcuno, poi sono arrivati altri due album finché non è giunto a questa conclusione che ha spiazzato un po’ tutti. James Blunt lascia la musica per dedicarsi di più a sé stesso, ha capito insomma che la vita ad Ibiza, dove ha comprato casa, è davvero rilassante e divertente. Una sorta di pensione anticipata per James Blunt che inoltre evidenzia il problema di non avere più nulla da scrivere, questa sicuramente è la motivazione principale che ha spinto poi il cantante a lasciare questo mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>