Concerto in Italia dei White lies

di Maurizio Iorio Commenta

Torna in Italia per un unico concerto il trio inglese che ha dominato al suo esordio le classifiche 2009 del Regno unito. L'album "To Lose My Life Or Lose My Love" uscito lo scorso anno..

white-lies-death

Torna in Italia per un unico concerto il trio inglese che ha dominato al suo esordio le classifiche 2009 del Regno unito.

L’album “To Lose My Life Or Lose My Love” uscito lo scorso anno per l’etichetta Universal, sembra una miniera inesauribile di singoli. Era bastato infatti il primo singolo “To Lose My Life”, dai toni dark e new wave, a far diventare i White lies da perfetti sconosciuti a band di enorme successo su radio e TV, con un enorme seguito specialmente in Italia, e sembra che lo stesso successo verrà ripetuto dal nuovo estratto dall’album, intitolato “Death”.



L’album “To Lose My Life Or Lose My Love” è una vera e propria opera di ricerca sonora attraverso la new wave e le sonorità degli anni ’80, con influenze di The cure e Joy division ma anche ammiccamenti a colleghi contemporanei come Interpol e The killer. Il trio originario di Ealing, vicino Londra, sotto contratto con la Fiction records, già etichetta di The Cure, Yeah Yeah Yeahs, Elbow e Snow Patrol, riescono a miscelare le atmosfere dark e cupe della new wave con un pop rock energetico.

I testi cantati con tono deciso e teatrale da Harry Mc Veigh sono perfettamente accompagnati dalle ritmiche del bassista Charles Cave e dal batterista Jack Lawrence Brown, sorrette dalle intelaiature sonore delle tastiere suonate dallo stesso cantante Harry Mc Veigh. La band rivelazione del 2009 sarà in Italia, con il supporto d’eccezione dei Baustelle del carismatico frontman Francesco Bianconi, all’Area palaverde di Azzano decimo (PN) in occasione della Fiera della musica Sabato 17 luglio 2010. Info su www.indipendente.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>