Bob Dylan dalla musica alla pittura

di Eleonora Costa Commenta

Le proiezioni cinematografiche dedicate a Bob Dylan sono in programma dall’1 al 3 marzo del 2013 a Milano presso lo Spazio Oberdan.

E’ uno dei mostri sacri della musica. E’ noto in tutto il mondo come compositore e cantautore americano, un po’ meno come pittore. Ed allora da domani, martedì 5 febbraio del 2013, c’è la possibilità a Milano di conoscere Bob Dylan anche da questo punto di vista. A Palazzo Reale, fino al 10 marzo del 2013, saranno infatti esposte ventitré opere dell’artista risalenti al periodo tra l’anno 2008 e l’anno 2011.

A darne notizia è il sito Internet del Comune di Milano nel sottolineare come l’esposizione, dal titolo “New Orleans Series”, sarà accompagnata da una rassegna cinematografica dedicata all’artista. Oltre che un grande della musica, fin dagli anni ’60 Bob Dylan si è cimentato nella pittura ed in particolare nell’arte visiva.



CANZONI PREMIO AMNESTY ITALIA 2012

Le proiezioni cinematografiche dedicate a Bob Dylan sono in programma dall’1 al 3 marzo del 2013 a Milano presso lo Spazio Oberdan, Sala Alda Merini. L’evento è curato dalla Fondazione Cineteca Italiana avvalendosi della collaborazione del Comune di Milano ed in particolare dell’Assessorato alla Cultura, alla Moda ed al Design. Il tutto per un totale di sei titoli in proiezione con prezzo del biglietto di ingresso a sette euro che per i possessori di Cinetessera scendono a 5,50 con acquisto a partire da una settimana prima presso la cassa dello Spazio Oberdan.

LE 10 MIGLIORI BAND DELLA STORIA DELLA MUSICA SECONDO NOEL GALLAGHER

Nato a Duluth il 24 maggio del 1941, Bob Dylan nello scorso mese di settembre del 2012 ha pubblicato “Tempest”, il suo 35-esimo album studio dopo “Christmas in the Heart” pubblicato nel mese di ottobre del 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>