From Eden, testo e video ufficiale del nuovo singolo di Hozier

di isayblog4 Commenta

Arrivato come un fulmine nel panorama musicale internazionale, Hozier negli ultimi mesi è divenuto uno degli artisti più cliccati e ricercati.

Il suo grande colpo è stata la bellissima “Take me to church”, estratta dall’album che porta il suo nome e che contiene altri interessantissimi brani, tra cui “From Eden”, quarto singolo estratto di cui vi proponiamo il testo e il video ufficiale.

Hozier, From Eden – Testo

Babe, there’s something tragic about you
Something so magic about you
Don’t you agree?

Babe, there’s something lonesome about you
Something so wholesome about you
Get closer to me

No tired sighs, no rolling eyes, no irony
No ‘who cares’, no vacant stares, no time for me

Honey, you’re familiar like my mirror years ago
Idealism sits in prison, chivalry fell on its sword
Innocence died screaming, honey, ask me I should know
I slithered here from Eden just to sit outside your door

Babe, there’s something wretched about this
Something so precious about this

[Live version inclusion:
Where to begin

Babe, there’s something broken about this
But I might be hoping about this.]

Oh, what a sin

To the strand a picnic plan for you and me
A rope in hand for your other man to hang from a tree

Honey, you’re familiar like my mirror years ago
Idealism sits in prison, chivalry fell on its sword
Innocence died screaming, honey, ask me I should know
I slithered here from Eden just to sit outside your door

Honey, you’re familiar like my mirror years ago
Idealism sits in prison, chivalry fell on its sword
Innocence died screaming, honey, ask me I should know
I slithered here from Eden just to hide outside your door

Clicca qui per il video ufficiale di From Eden di Hozier

Hozier, From Eden – Traduzione

Baby, c’è qualcosa di tragico in te
Qualcosa di così magico su di te
Non sei d’accordo?

Baby, c’è qualcosa di solitario in te
Qualcosa di così sano in te
Avvicinati a me

Nessun sospiro stanco, nessuna rotazione degli occhi, nessuna ironia
Nessun ‘Chi se ne frega’, nessun sguardo vuoto, niente tempo per me

Tesoro, sei familiare come il mio specchio, anni fa
L’idealismo siede in prigione, la cavalleria cadde sulla sua spada
Innocenza è morta gridando, tesoro, chiedimi io dovrei sapere
Sono strisciato qui dall’Eden per sedermi fuori dalla tua porta

Baby, c’è qualcosa di abbietto in questo
Qualcosa di così prezioso su questo

Baby, c’è qualcosa di infranto in questo
Ma potrei sperare questo

Oh che peccato

Un picnic sulla spiaggia come programma per me e per te
Una corda in mano per il tuo altro uomo da appendere a un albero

Tesoro, sei familiare come il mio specchio, anni fa
L’idealismo siede in prigione, la cavalleria cadde sulla sua spada
Innocenza è morta gridando, tesoro, chiedimi io dovrei sapere
Sono strisciato qui dall’Eden per sedermi fuori dalla tua porta

Tesoro, sei familiare come il mio specchio, anni fa
L’idealismo siede in prigione, la cavalleria cadde sulla sua spada
Innocenza è morta gridando, tesoro, chiedimi io dovrei sapere
Sono strisciato qui dall’Eden per sedermi fuori dalla tua porta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>