Prince, The Breakdown – Testo e traduzione

di Pina Commenta

 

Prince sta per tornare. L’artista, che in questi ultimi tempi è stato al centro di non poche polemiche per il suo difficile rapporto con le nuove tecnologie e la sua ritrosia a donare la sua musica agli internauti, sembra essere passato a posizioni più ‘morbide’, tanto da riallacciare i rapporti con la Warner Bros, la casa discografica con cui è stato legato per tantissimi anni.

Da questa riappacificazione arriverà una bella sorpresa per tutti i fan di Prince: la riedizione di Purple Rain, forse il suo album più famoso, in occasione del trentennale della sua prima pubblicazione. Questa uscita sarà anticipata dalla pubblicazione del singolo The Breakdown, di cui vi proponiamo testo e traduzione.

Prince, The Breakdown – Testo

Listen to me closely as the story unfolds
This could be the saddest story ever been told
I used to want the house with the biggest pool
Reminiscing now, I just feel like a fool

U keep breakin me down, down, down
Keep breakin me down down down
Keep breakin me down down down
I used 2 throw the party every New Year’s Eve
First one intoxicated, last one to leave
Waking up in places that u would never believe

Give me back the time, u can keep the memories
U keep breakin me down, down, down
Keep breakin me down down down
Keep breakin me down down down
Every book I read

Said that I would meet somebody like you
Whenever I was sorry, so sorry for the things I used to do
A journal full of numbers that I used to go through
One, two, three, four, five, six, seven, all behind me now, all because of U
You keep breaking me down…. I don’t wanna…. don’t wanna go down down down…..

You’ve seen every door, there’s a door you can walk through
Where there used to be a wall
I don’t care, come on baby,
As long as U catch me

forever and ever when I fall
The closer we get,
the closer U get,
the closer I get.
I don’t wanna, don’t wanna…..
to the breakdown.

Prince, The Breakdown – Traduzione

Ascoltami più vicino mentre la storia si svolge
Questa potrebbe essere la storia più triste mai raccontata
Ero abituato a volere la casa con la più grande piscina
Ricordandolo ora, mi sento come un folle
Continui a farmi scoppiare a piangere
Continui a farmi scoppiare a piangere
Continui a farmi scoppiare a piangere

Ero solito organizzare le feste di Capodanno
la prima volta intossicato, la seconda me ne sono andato
Svegliandomi in posti che non crederesti mai

Dammi indietro il tempo, puoi tenerti i ricordi
Continui a farmi scoppiare a piangere
Continui a farmi scoppiare a piangere
Continui a farmi scoppiare a piangere

Ogni libro che ho letto
Ho detto che avrei voluto incontrare qualcuno come te
Ogni volta che mi dispiaceva, mi dispiaceva per le cose che ero solito fare
Un libro pieno di numeri che ero abituato a oltrepassare

Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, tutti dietro di me adesso, tutto per colpa tua
Continui a farmi del male…. non voglio …. non voglio andare giù giù giù…

Hai visto ogni porta, ogni porta che tu puoi oltrepassare
Dove solitamente c’era un muro
Non mi importa, vieni baby
Per sempre e oltre, quando cadrò

Più ci avviciniamo
Più ti avvicini
Più mi avvicino

Non voglio, non voglio
Crollare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>