Darren Criss e Scary Pockets presentano la loro Wonderwall

di Valentina Cervelli Commenta

Una cover che davvero in pochi si aspettavano, r’n’b al punto giusto da colpire e farti apprezzare arrangiamenti e versioni di un brano che generalmente si considererebbe intoccabile: Wonderwall degli Oasis. Protagonisti Darren Criss e gli Scary Pockets.

L’attore di Broadway interpreta il brano in modo differente, regalano non una semplice copia di un brano che ovviamente non aveva bisogno di essere riprodotto perché già perfetto, ma una “rivisitazione”, in pieno stile blues che affascina dalla prima all’ultima nota. Gli Scary Pockets sono un gruppo strumentale indie specializzato nel rivisitare canzoni più famose con il loro estro e la loro bravura tecnica. Ed in questo caso con Wonderwall non deludono affatto. L’arrangiamento scelto e la voce di Darren Criss si adattano perfettamente ad un brano che assume tutt’altro gusto e sonorità e che quindi diventa qualcosa di apprezzare senza pensare di fare un torto agli Oasis.

Basta dare uno sguardo alle altre cover del gruppo per comprendere che quello della rivisitazione e stravolgimento  è il loro obiettivo principale. Alcuni brani ovviamente vengono meglio di altri: Wonderwall rasenta la perfezione. Di parte? Forse: quel che è certo è che si potrebbe passare ore ad ascoltarla senza stancarsi. La voce di Darren Criss è sempre stata caratterizzata da un timbro rock in grado, con le sue piccole imperfezioni, di graffiare al punto giusto dove necessario.

Insomma, alla fine, della versione di Wonderwall degli Scary Pockets ft Darren Criss non si rimane delusi. Soprattutto se si ricerca qualcosa che abbia un anima propria senza essere una semplice scopiazzatura. In attesa che il file venga ricaricato dal gruppo su Youtube è possibile ascoltarla qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>