J-Ax e Fedex con Italiana: prossimo tormentone estivo?

di Valentina Cervelli Commenta

E’ uscita lo scorso 4 maggio “Italiana“, il nuovo singolo di J-Ax e Fedez e quel che è possibile notare già da un primo ascolto è che per ritmo e testo questo brano si candida a divenire il prossimo tormentone estivo con largo anticipo. Ma ammettiamolo, non ci aspettavamo niente di meno da questa coppia.

Li si può amare od odiare, ma su una cosa non si può discutere: questo duo musicale ha sempre azzeccato ogni singola scelta della propria collaborazione. Un’unione che si chiude proprio con “Italiana”, ascoltabile su Spotify, perché entrambi vogliono fare qualcosa di diverso, ritornando alla propria musica.  La canzone oltre ad essere orecchiabile e questo non è mai un male, è anche e soprattutto un ritratto dell’Italia contemporanea: quella che unisce i suoi lati più belli alle brutture più imperdonabili. In questo caso quel che si vuole fare è sottolineare come nonostante i suoi difetti l’Italia rimanga alla fine una nelle nazioni più belle, soprattutto in estate.  A livello tecnico ovviamente il brano è firmato da J-Ax e Fedez e prodotto dalla coppia Takagi & Ketra (ovvero rispettivamente Alessandro Merli e Fabio Clemente, N.d.R.), gli stessi che hanno reso possibile la nascita di  “Vorrei Ma Non Posto” e “Senza Pagare”.

J-Ax e Fedez – Italiana

Brrrahhhhhh
Paese scontato, l’offerta divide
Perché qui ci sono più Lidl che leader
Silvio ritorna in versione Wi-Fi
La prima amnesia non si scorda mai

La gente che conta quest’anno va a Mykonos
A fare gli hippie fumando l’origano
Sarà l’allergia che ha giocato d’anticipo
Per questi occhi rossi non c’è antistaminico
E poi Donald Trump si allena con il RisiKo!
Se non è al Pentagono lo trovi al Poligono
E tu ti senti spaventata come minimo
Come quando Fausto Brizzi ti chiede il curriculum
Tenere alta la bandiera
Gli Azzurri sono in ritiro a Formentera
No, la donna è una sfiga vera
È solo un’altra storia

Italiana
L’estate che cerchi non è lontana
La gente per nulla lo sai si innamora
Se vieni dal mare ti stiamo aspettando
Con l’acqua alla gola
Ti racconteremo una storia italiana
Vedrai che il lavoro nemmeno ti sfiora
E anche se piove la musica suona

Abbiamo perso ma ci credevo
Come ai mondiali e alle elezioni
Prova costume per smaltire peso
Qui ci nutriamo solo di illusioni
E boom

Aspetteremo il missile di Kim Jong Un
Tenendoci informati tramite fake news
I balli sulle spiagge tenendoci in forma facendo maratone di serie tv
La moda in Italia
I libri di cucina ed il tanga, una cultura culinaria
Triangolo e bermuda sono la nuova repubblica
Facciamo la ceretta per l’opinione pubica
Toccheremo il cielo e taggheremo il fondo
Venuti male come le foto sul passaporto
Più che fuori dall’Europa siamo fuori dal mondo
E se sei bona c’hai lo sconto

Italiana
L’estate che cerchi non è lontana
La gente per nulla lo sai si innamora
Se vieni dal mare ti stiamo aspettando
Con l’acqua alla gola
Ti racconteremo una storia
Italiana
Vedrai che il lavoro nemmeno ti sfiora
E anche se piove la musica suona

È tutto un giro di incroci
Senti le voci
Che si mischiano al vento
Come fuori dal tempo
Tutto è cambiato ma certe cose rimangono identiche
Quindi tu falla semplice
E raccontami una storia nuova
E anche se piove la musica suona
E anche se piove la musica suona

Italiana
L’estate che cerchi non è lontana
La gente per nulla lo sai si innamora
Se vieni dal mare ti stiamo aspettando
Con l’acqua alla gola
Ti racconteremo una storia
Italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>