Alessandra Amoroso: brani contro l’odio di questi tempi

di Valentina Cervelli Commenta

Non si deve far per forza della musica di denuncia ma quando questo accade, e dei cantanti si impegnano in prima linea, ciò non dispiace affatto. E’ quindi con gioia che si ascolta Alessandra Amoroso quando al Corriere della Sera spiega di aver scritto brani contro l’odio di questi tempi.

Parliamo ovviamente di “10” e quindi del nuovo album della cantante. La copertina è un puzzle delle cose che ama di più, scelte appositamente per via del proprio significato: i legami con i nonni, la migliore amica, la celebrazione del cane Buddy morto a Gennaio. Non manca davvero nulla. E l’album? E’ un inno all’amore, di ogni tipo.  E va ripetuto per chi non lo avesse ancora capito, nonostante la celebrazione dei 10 anni non si è davanti ad un greatest hits ma ad una raccolta di brani inediti. Una scelta spiegata da lei stessa, raccontando le sue canzoni:

Ho sempre voglia di emozionarmi, piangere e amare. Sono rimasta la stessa, ma mi sento anche cresciuta e maturata. Non è qualcosa che sento legata all’età ma alle consapevolezze cui ti porta la vita.

In particolare, tra tutte, spicca “Forza e coraggio“. Una canzone davvero incredibile se si pensa che nonostante una musicalità “leggera”, quasi dance, Alessandra Amoroso è riuscita ad affrontare sia il tema dell’odio contro le persone omosessuali, sia quello contro i migranti. E sottolinea:

È la situazione dell’Italia di oggi che mi ha fatto fare questo. Vorrei esortare a credere di più nell’amore. Siamo tutti nato sotto lo stesso cielo, siamo uguali e abbiamo le stesse possibilità indipendentemente da colore, sesso, religione. L’amore unisce il mondo ma oggi vedo molto odio. Ci vogliono forza e onestà per accettare le diversità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>