Canzone pubblicità Vodafone Relax Aprile 2013

di isayblog4 Commenta

Nuovo spot per la Vodafone che, dopo il tormentone illimitatamente del pinguino, ritorna al vecchio orso, doppiato come sempre da Diego Abatantuono.

Questa volta nella nuova pubblicità della Vodafone Relax il nostro amico orso si ritrova in un centro benessere immerso tra acque termali e soprattutto massaggi.

Il concetto insomma di Vodafone relax è alquanto chiaro, grazie a questa nuova promozione è possibile mandare massaggi e chiamare tutti praticamente illimitatamente, senza insomma ritrovarsi con il problema di spendere troppo e ci si può in tal modo rilassare al meglio. Il nostro protagonista orso della pubblicità Vodafone Relax è proprio alle prese con numerose telefonate, non staccandosi insomma mai dal suo cellulare. Il pacchetto però comprende una spesa mensile di 39 euro, ma dopo aver applicato tale promozione sul proprio piano tariffario sarà praticamente possibile chiamare qualsiasi gestore telefonico senza spendere mai nulla. Quello però che ci interessa maggiormente di questa pubblicità Vodafone Relax è la canzone che funge da colonna sonora.

Questa la possiamo ascoltare praticamente alla fine dello spot e si tratta di un brano che abbiamo avuto modo di ascoltare assiduamente durante la scorsa estate, ve lo ricordate? La canzone pubblicità Vodafone Relax è Little talks degli Of monsters and men. Si tratta di un gruppo indie rock islandese che si è formato nel 2010 e grazie al primo album, My head is an animal, è riuscito a farsi notare negli Stati Uniti e poi in tutto il mondo. Il singolo Little talks, canzone pubblicità Vodafone Relax, ha infatti ottenuto un grandissimo successo. Al momento però questa è l’unica hit degli Of monsters and men ad aver avuto grande considerazione nel panorama musicale mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>