Blurred Lines, condannati Pharrell e Robin Thicke per plagio

di Valentina Cervelli Commenta

Pharrell Williams e Robin Thicke perdono ancora una volta contro gli eredi di Marvin Gaye: Blurred Lines, canzone discutibile ma dal successo universale avrebbe plagiato la canzone Got to Give it up. La nona Corte federale d’appello ha confermato la sentenza.

I figli di Marvin Gaye, Nona, Frankie e Marvin III, dovranno essere risarciti economicamente per 5,3 milioni di dollari, cifra ridotta in appello rispetto ai 7,4 milioni di dollari della sentenza del 2015: ad essi si aggiunge il premio del 50% delle future royalties di Blurred Lines. Clifford Harris Jr (T.I.) e la casa discografica Interscope sono stati nuovamente assolti.

Il caso di Blurred Lines è uno dei più emblematici nella storia musicale per ciò che concerne i plagi: dove si pone infatti la linea tra lo stesso e l’omaggio? Nel 2015 Pharrell Williams dopo la pubblicazione della sentenza dichiarò:

La sentenza contro di noi mette a rischio l’intera industria culturale. Si tratta di un verdetto assurdo che colpisce l’ispirazione, non il plagio. Si condanna l’ispirazione, e se perdiamo la nostra libertà di ispirarci verrà un giorno in cui l’industria dell’intrattenimento sarà paralizzata dalle cause.

Ed è il concetto alla base che ha spinto Jacqueline Nguyen a votare contro la sentenza di appello, unica su tre. Secondo la stessa in questo modo si porta a “sottoporre alle leggi del diritto d’autore anche uno stile musicale. E tutto ciò è diretta conseguenza della deferenza acritica della maggioranza nei confronti degli esperti di musica“.

Sia Pharrell che Robin Ticke ricorreranno ancora in appello. La cosa “curiosa” dell’intera faccenda è che furono proprio loro due a dare via ad una battaglia legale per salvarsi dalle potenziali accuse di plagio che si pensava potessero essere mosse dagli eredi di Gaye. Nella ricerca di una sentenza che giudicasse la canzone “diversa” da Got to give it up hanno invece ottenuto il contrario dal rinvio a giudizio deciso dal giudice occupatosi del loro caso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>