Sanremo 2019, vince Mahmood

di Valentina Cervelli Commenta

Una vittoria forse a sorpresa (o forse no) rispetto a quelli che erano dati i favoriti e questo non ci dispiace: a vincere Sanremo 2019 è stato Mahmood (nome reale Alessandro Mamoud) con il brano “Soldi“, dedicato ad un padre assente e scostante.

Un ragazzo italiano come tanti ed un professionista come pochi e non solo perché è arrivato tra i Big di Sanremo vincendo nelle nuove proposte insieme ad Einar, ma perché è già un affermato paroliere per artisti come Marco Mengoni che, superospite a Sanremo, ha cantato proprio un brano scritto dal neo vincitore di Sanremo.  Sanremo non sarebbe tale senza le classiche polemiche più o meno giustificate ma quel che appare evidente, almeno stando sui social è che Mahmood è un artista più che apprezzato e che non si vede l’ora partecipi alla prossima edizione dell’Eurovision in Israele.

Sul podio insieme a lui due favoriti: Ultimo, protagonista di un siparietto con i giornalisti deprecabile per entrambe le parti nel corso della conferenza stampa a margine della kermesse, ed Il Volo. Grande esclusa ed arrivata quarta (ma avrebbe meritato anche lei la vittoria, N.d.R.) Loredana Bertè. Ecco la classifica finale:

  1. Mahmood
  2. Ultimo
  3. Il Volo
  4. Loredana Bertè
  5. Simone Cristicchi
  6. Daniele Silvestri
  7. Irama
  8. Arisa
  9. Achille Lauro
  10. Enrico Nigiotti
  11. Boomdabash
  12. Ghemon
  13. Ex Otago
  14. Motta
  15. Francesco Renga
  16. Paola Turci
  17. The Zen Circus
  18. Federica Carta e Shade
  19. Nek
  20. Negrita
  21. Patty Pravo e Briga
  22. Anna Tatangelo
  23. Einar
  24.  Nino D’Angelo e Livio Cori

In una kermesse che ha offerto diverse buone canzoni e qualcuna più debole non siamo propriamente d’accordo con alcuni giudizi: saranno vendite e radio a dire l’ultima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>