Francesco Gabbani presenta il concept album Magellano

di Valentina Cervelli Commenta

Sono passati due mesi dalla vittoria di Sanremo e finalmente Francesco Gabbani presenta il suo concept album Magellano: un lavoro che in molti aspettavano, tra critica e semplici ascoltatori. E che in qualche modo è sia un punto di arrivo che di partenza per il cantautore.

Occidentali’s Karma tra l’altro non ha solo finalmente lanciato Francesco nel mondo dei cantanti che contano in Italia, ma ha fatto in modo che lo stesso potesse conoscere un pizzico di fama internazionale grazie all’Eurovision 2017 che avrà luogo ad inizio maggio. Magellano uscirà il 29 aprile con etichetta BMG/Warner e per quanto Gabbani lo definisca un “concept album involontario“, va detto che nessuno si aspettava di meno da questo ragazzo. La tanta gavetta ha portato infatti ad una preparazione tale che difficilmente si riesce a pensare che Francesco Gabbani possa aver fatto qualcosa di “involontario”.

Il cantante dice di essere stato colto alla sprovvista dal successo, e non è difficile credergli. Ma se i brani dell’album riusciranno a conquistare tanto quanto ha fatto il brano sanremese sarà bene che lo stesso si abitui a questa vita ed alla fama reale. Ecco come presenta Magellano il suo creatore:

Non c’era un’idea di partenza, ma a disco finito, scegliendo il titolo Magellano, ho capito che a unire le canzoni era il concetto del viaggio. Non tanto del viaggio in sé e per sé, ma in quanto scoperta. Magellano è l’esempio di chi non si ferma davanti alle cose certe e comode, ma si addentra con coraggio verso l’ignoto. E nel caso dell’album, i brani, punti di osservazione sulla nostra vita e sulla società, ci permettono di capire meglio anche l’ignoto che è dentro di noi. Con l’obiettivo di accettarsi per quello che si è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>