Sanremo 2013 le prime sette canzoni che passano il turno

di Lucia D Antuono Commenta

Tra i primi big del Festival di Sanremo 2013, sette si sono esibiti nella prima serata, c’era curiosità nello scoprire quale delle due canzoni presentate ogni cantante potesse passare il turno e proseguire la gara canora fino all’ultima serata.

Il televoto e la giuria della sala stampa hanno decretato le prime sette canzoni che passano il turno e non sono mancate le sorprese. Il talento puro di Raphael Gualazzi è stato premiato con il brano Sai, mentre per Senza ritegno, con molto più swing, non c’è stato scampo e la canzone subito è stata scartata.

Molto contento è sembrato Daniele Silvestri che ha voluto fortemente mostrare al pubblico la sua A bocca chiusa, brano sicuramente più impegnativo rispetto a Il bisogno di te, decisamente più banale. Proprio la prima ha passato il turno. E’ apparso molto meno originale Marco Mengoni e la sua Bellissimo, scritta per l’occasione da Gianna Nannini, ha dovuto lasciare spazio a L’essenziale, molto più semplice da interpretare. Tra le sette canzoni di Sanremo 2013 che passano il turno c’è spazio anche per La felicità della talentuosa Simona Molinari e il suo amico-collega Peter Cincotti, ne fa però le spese la più quotata Dr. Jekyll e Mr. Hyde, brano sicuramente meno scontato del precedente.

Sanremo 2013 la scaletta della seconda serata

Gli sconosciutissimi Marta sui tubi, che hanno portato un po’ di rock a Sanremo 2013, proseguono il cammino con la canzone Vorrei. C’era curiosità nello scoprire la prima volta al Festival di Sanremo per Maria Nazionale, la cantante neomelodica è stata una bella sorpresa, grazie anche ad autori importanti, la sua E’ colpa mia infatti è stata scritta da Peppe Servillo, Avion Travel, e Fausto Mesolella. Ultima ad esibirsi nella serata di ieri è stata Chiara Galiazzo che passa con la canzone Il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>